CARICAMENTO

Digita per cercare

Uncategorized

WhatsApp pratiche commerciali scorrette

Condividi

2016_07_14_13_07_08WhatsApp, il colosso della messaggistica istantanea, è stato multato duramente con una sanzione di ben tre milioni di euro dall’Autorità Antitrust nazionale per violazione del Codice del Consumo ai danni degli utenti. L’Autorità Antitrust (AGCM), con due distinti provvedimenti, ha chiuso i due procedimenti istruttori avviati da circa un anno nei confronti di WhatsApp Messanger. La prima istruttoria, la n. PS10601, riguardava una condotta posta in essere dall’azienda californiana  che, come noto, dal 2014 era stata acquisita al gruppo Facebook. Nell’agosto 2016, infatti, la società di messaggistica modificava le condizioni di utilizzo del sistema, richiedendo agli utenti l’autorizzazione alla condivisione dei propri dati con Facebook indicata come essenziale ed irrinunciabile per poter fruire dell’applicazione. Lo scopo della condivisione dei dati con Facebok, a detta di WhatsApp, era quello di “migliorare le proprie esperienze con le inserzioni e i prodotti di Facebook”, a detta dell’AGCM corrispondeva invece a “finalità di Facebook relative a propri prodotti e a finalità pubblicitarie”, quindi finalità di advertising e di marketing a scopo economico, commerciale e lucrativo. L’Autorità, nell’ambito di tale istruttoria, ha ravvisato nella condotta di WatsApp una violazione degli articoli 20, 24 e 25 del Codice del Consumo, in relazione alle modalità di acquisizione del consenso da parte dei propri utenti. La pratica commerciale posta in essere risultava infatti aggressiva in quanto, “mediante indebito condizionamento, era idonea a limitare considerevolmente la libertà di scelta o di comportamento del consumatore medio, inducendolo, pertanto, ad assumere una decisione di natura commerciale che non avrebbe altrimenti preso”. Infatti, l’autorizzazione alla condivisione per i nuovi utenti WhatApp era indicata come necessaria per poter iniziare a fruire del servizio e registrarsi al sistema mentre per i clienti già acquisiti veniva celata la pure esistente facoltà di negare il consenso attraverso giochi di opzioni pre-impostate e false indicazioni circa la necessità dell’autorizzazione, tali da indurre, come di fatto è stato, gran parte degli utenti ad accettare i nuovi termini di utilizzo. In virtù di ciò, qualificata la condotta di WhatsApp come pratica commerciale scorretta ed aggressiva in violazione della normativa a tutela del consumatore, l’Autorità Antitrust ha sanzionato la società californiana con una multa di 3 milioni di euro, vietandole la prosecuzione della condotta. Con il secondo procedimento istruttorio, il n. CV154, l’Autorità Antitrust ha indagato sulla vessatorietà di alcune clausole contenute nelle condizioni e termini di utilizzo dell’app di messaggistica, in quanto tali da determinare, a carico del consumatore, un significativo squilibrio dei diritti e degli obblighi derivanti dal contratto.

 

< Articolo Precedente

Lascio un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *