CARICAMENTO

Digita per cercare

Assistenza e previdenza

Pensione ciechi assoluti: quali sono i requisiti

Condividi

La pensione per ciechi assoluti come ottenerla?

Prima di capire come è erogata e quali sono i requisiti per ottenerla, dobbiamo fare una distinzione con quella riservata ai ciechi parziali.

Per ottenere quella parziale i requisiti necessari sono:

  • nessun limite di età (a differenza della pensione per ciechi assoluti);
  • definizione riconosciuta nel verbale di cieco parziale, ossia con residuo visivo inferiore a un ventesimo in entrambi gli occhi per causa congenita o contratta per infortunio sul lavoro o di servizio ma non in guerra;
  • rispetto del limite di reddito fissata.

La pensione per i ciechi assoluti, invece,  è una prestazione economica, erogata a domanda, ai maggiorenni riconosciuti ciechi assoluti con residuo visivo 00 in entrambi gli occhi con eventuali correzioni (l’articolo 5 della legge 21 novembre 1988, n. 508 ha precisato che ai ciechi civili assoluti minorenni non spetta la pensione, ma l’indennità di accompagnamento).

Quali sono i requisiti?

L’età, maggiore di 18 anni.

La definizione riconosciuta nel verbale di cieco assoluto.

Ai fini del riconoscimento della prestazione economica, il cittadino deve chiedere il riconoscimento dei requisiti sanitari inoltrando la domanda mediante il servizio denominato “Invalidità civile – Invio domanda di riconoscimento dei requisiti sanitari”.

Per l’anno 2019 l’importo della pensione è di 308,93 euro per i ciechi non ricoverati e 285,66 euro per quelli ricoverati, e viene corrisposta per 13 mensilità.

Il limite di reddito personale annuo per il 2018 è pari a 16.814,34 euro.

Hanno diritto alla pensione non reversibile i ciechi assoluti con i seguenti requisiti:

  • maggiore età;
  • riconoscimento della cecità assoluta;
  • stato di bisogno economico;
  • cittadinanza italiana;
  • cittadinanza straniera comunitaria e iscrizione all’anagrafe del comune di residenza;
  • cittadinanza extracomunitaria e permesso di soggiorno di almeno un anno di cui all’art. 41 TU immigrazione, anche se sprovvisti di permesso di lungo soggiorno;
  • residenza stabile e abituale sul territorio nazionale.

La pensione per ciechi assoluti è compatibile con altri trattamenti per invalidità corrisposti a qualsiasi titolo. La pensione viene erogata anche in caso di ricovero gratuito.