CARICAMENTO

Digita per cercare

Lavoro

Lavoratori domestici, come i datori di lavoro possono effettuare il pagamento

Condividi

Lavoratori domestici come effettuare il pagamento? Dal 1° al 10 luglio 2019 è possibile pagare i contributi del secondo trimestre 2019 dei lavoratori domestici.

I datori di lavoro possono effettuare il pagamento mediante una delle seguenti modalità:

  • direttamente online tramite il portale dei pagamenti, con la modalità online  pagoPA, con carta di credito, carta di debito oppure conto corrente bancario;
  • rivolgendosi ai soggetti aderenti al circuito “Reti Amiche”. Il pagamento è disponibile, senza necessità di supporto cartaceo, con codice fiscale e codice rapporto di lavoro:
    • presso le tabaccherie che aderiscono al circuito di Lottomatica e che espongono il logo Servizi INPS;
    • presso gli sportelli bancari di Unicredit SpA (con pagamento in contanti per tutti gli utenti o, per i correntisti Unicredit, anche con addebito sul conto corrente bancario);
    • tramite il sito del gruppo Unicredit SpA per i clienti titolari del servizio di banca online;
    • presso tutti gli sportelli di Poste Italiane;
  • utilizzando il bollettino  MAV (Pagamento Mediante Avviso) inviato dall’INPS. Il bollettino può altrimenti essere generato:
    • direttamente online tramite il portale dei pagamenti all’interno della sezione lavoratori domestici;
    • presso le aree di front office delle sedi INPS, utilizzando lo sportello automatico per il cittadino con autenticazione mediante tessera sanitaria;
  • utilizzando l’avviso di pagamento  pagoPA generato online tramite il portale dei pagamenti all’interno della sezione lavoratori domestici.

Vi ricordiamo che la comunicazione di assunzione di un lavoratore domestico si presenta all’INPS entro le ore 24 del giorno precedente (anche se festivo) a quello di instaurazione del rapporto di lavoro. La comunicazione ha efficacia anche nei confronti dei servizi competenti, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, del Ministero della Salute, dell’INAIL e della prefettura/ufficio territoriale del Governo. (Inps)