CARICAMENTO

Digita per cercare

Notizie

Poste Italiane replica all’Antitrust: “Nessun aumento dei prezzi per servizi degli atti giudiziari”

Condividi
atti giudiziari

Poste Italiane replica all’Antitrust: “Nessun aumento dei prezzi per servizi degli atti giudiziari

Dopo le polemiche dei giorni scorsi, sugli aumenti delle spese di notifiche per atti e multe, Poste Italiane con un comunicato sul proprio sito precisa che: “non c’è stato alcun aumento delle tariffe per i servizi di notificazione a mezzo posta”.

L’azienda riferisce: “In relazione alla segnalazione dell’Antitrust sul processo di liberalizzazione dei servizi di notificazione a mezzo posta degli atti giudiziari e di violazioni del codice della strada, Poste Italiane sottolinea che è concessionaria per legge del Servizio Postale Universale – nel cui alveo ricade a tutti gli effetti la notifica a mezzo posta degli atti giudiziari – e che, fino all’approvazione della “legge annuale sulla concorrenza”, i servizi oggetto della segnalazione erano “riservati”, ovvero garantiti esclusivamente da Poste Italiane (a differenza di quelli “non riservati”, forniti anche dagli oltre 3000 operatori postali alternativi).

Con l’abrogazione della riserva a favore di Poste, le notificazioni possono essere fornite anche da altri operatori, ma restano senza dubbio alcuno nell’ambito del Servizio Universale e dunque Poste Italiane è titolata e obbligata a proseguire l’attività senza necessità di conseguire una licenza “speciale”, necessaria invece per i nuovi operatori alternativi. D’altro canto, una diversa interpretazione delle norme porterebbe alla paradossale conclusione, che Poste, titolare degli obblighi del Servizio Universale, avrebbe dovuto sospendere l’attività di notifica nelle more della definizione del quadro regolamentare di riferimento, generando innegabili  quanto gravi ripercussioni sul funzionamento del sistema giudiziario italiano. L’azienda ribadisce che non è vi è stato alcun aumento delle tariffe dei servizi di notificazioni a mezzo posta, circostanza confermata dalla Delibera AGCom 307/19/CONS di luglio 2019″.