La Cassazione con la sentenza n. 8864/2020 chiarisce che è inesperibile il raggiungimento della soglia probatoria della rilevanza causale della condotta addebitata al medico rispetto all’evento infausto.

La Corte di Cassazione è pervenuta a questa conclusione dopo che la Corte d’Appello ha dichiarato di non doversi procedere nei confronti di un ginecologo in ordine al delitto di omicidio colposo.

Come sono andati i fatti?