CARICAMENTO

Digita per cercare

Notizie

Corte Costituzionale. Udienze da remoto per giudici e avvocati

Condividi
corte costituzionale

A partire dal 20 ottobre 2020 e fino al 31 gennaio 2021, singoli giudici e avvocati potranno partecipare all’udienza pubblica, mediante collegamento da remoto, qualora ragioni legate all’emergenza epidemiologica da COVID-19 impediscano loro di essere presenti alla Corte costituzionale.

Lo stabilisce il decreto del Presidente Mario Rosario Morelli, in conformità a quanto deliberato dal collegio. Il decreto è stato adottato per contribuire al contrasto dell’emergenza da COVID19, con particolare riferimento alla situazione epidemiologica della Corte, e per assicurare la continuità nonché il tempestivo esercizio della funzione di giustizia costituzionale, nel pieno rispetto del contraddittorio.

Tenuto conto dell’autonomia della Corte e della specificità dei giudizi costituzionali, il decreto si inserisce nel solco di quelli precedentemente adottati durantel’emergenza sanitaria, riproponendo alcune misure già sperimentate e integrandone altre per garantire, in particolare, la trattazione delle cause in udienza pubblica.

A tal fine viene estesa la possibilità, finora prevista solo per la camera di consiglio, che singoli giudici o avvocati partecipino all’udienza pubblica mediante collegamento da remoto. La richiesta deve pervenire alla Cancelleria entro le ore 12:00 del giorno precedente l’udienza e dev’essere autorizzata dal Presidente della Corte.

Tutti i decreti presidenziali emanati durante l’emergenza sanitaria sono pubblicati sul sito online e notificati sull’App della Corte. Si raccomanda quindi di consultare il primo e di scaricare la seconda